Approfondimenti

Altre Sezioni

Accesso utenti

Nome utente:

Password:


Cerca nel Sito

Contatore visite

SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > PERSONAGGI ILLUSTRI > Carmine Calandra (+1955): Villanelle del mio paese
Carmine Calandra (+1955): Villanelle del mio paese
Articolo di Valentino Di Cerbo pubblicato il 1/11/2012 (1456 Letture)

Lieta sorpresa sarà senza dubbio per tutti la notizia che il patrimonio della cultura popolare di Frasso viene significativamente ad arricchirsi del ritrovamento di una raccolta di canti dialettali, che, pubblicata oltre un secolo fa e più volte ricordata dagli studiosi della materia, era rimasta praticamente sconosciuta ai nostri concittadini del tempo presente .

Era ben conservata in una biblioteca di Milano e di lì, grazie anche alla collaborazione della Mediateca funzionante presso la Biblioteca provinciale di Benevento, ci è pervenuta in copia, che, a parte qui riprodotta, proponiamo all’attenzione dei Frassesi e di quanti altri seguono con simpatia l’impegno di Moifà per il recupero della nostra memoria storica .

La raccolta, pubblicata nei volumi XXII e XXIII – anni 1903 e 1904 – della rivista “Archivio per lo studio delle tradizioni popolari”, diretta da G. Pitré e altri, fu intrapresa e curata nei suoi anni giovanili dal  prof. Carmine Calandra.

Il quale, e perché animato da profondo amore per il suo paese e perché portato da raffinato gusto poetico, lo stesso che lo distinse negli anni a venire! non rimase indifferente alla tradizione di Frasso, così come a lui perveniva, e diede vita ad un’attività di ricerca sistematica e scrupolosa dei canti popolari, che non è azzardato ipotizzare che risalgono, alcuni, finanche al sec. XVIII, oltre che,  ben inteso! all’Ottocento .

Ne chiese notizie a quelli prima di lui, ne ascoltò i motivi, ne interpretò parole e strofe per definirne i testi, li riordinò e, così fatti, diede loro quella dignità culturale che in effetti meritavano.

Li chiamava “Villanelle del mio paese”, non perché volesse alludere alle “….rosee fanciulle che nelle vigne o fra gli ulivi, su per le apriche colline del [suo] bel paese lavoravano cantando …, ma perché meglio [sentiva] nella parola il riflesso dell’ambiente e dell’ispirazione rusticana”.

Sentimento questo che si stenta a credere che possa far presa con la stessa intensità sulla nostra sensibilità di paesani dei tempi attuali, quando condizioni ambientali e stile di vita sono completamente cambiati rispetto al passato. Del quale perfino i più lievi segni di continuità di vita sembrano svanire nella dimenticanza .

Ma ciò non significa che anche noi non proviamo compiacimento del rilievo critico che, “…fra tante, varie canzoni [di Frasso ] sono veramente originali ed autoctone …e che, anche là dove accanto ad una frassese bisogna metterne un’altra affine di altro luogo, la nostra si avvantaggia, non di rado, per evidenti pregi di coerenza espressiva o di concisione o di arguzia “.

Vero è che, a ben considerarli, tutti i componimenti della raccolta, espressi in un colorito linguaggio dialettale, che potremmo definire “frassese arcaico “, sono canti d’amore . Un amore realisticamente cantato in simpatiche scene di vita paesana, tutte con immediatezza ritratte a  rappresentare atteggiamenti diversi :ora ironico e provocante, ora malizioso o passionale. Se non proprio grazioso e delicato, animato di un dolce senso della natura, come quando, per esempio, in una canzone del mattino, che “frulla estrosa, da uno ad un altro spunto idilliaco: dalla bellezza del canto alla crescente luminosità delle prime ore, per cogliere, in ultimo, una calcante analogia fra il levarsi del sole sul mondo e lo scoprirsi dell’amore nella candida anima di una giovinetta”:

 A la matina lo bello cantare

‘Nnanze che a ghiuorno ce sponta lo sole .

Quanno sponta lo sole sponta vascio,

Quanto chiù aize chiù ghietta sbrendore .

Così è la figliolella quanno nasce .

Quanto chiù cresce chiù penza a l’amore.

Anche così, sentendone fin nell’animo la poesia,Carmine Calandra, l’amato congiunto di chi scrive, sapeva rendere omaggio a Frasso, il suo paese natale.

Meritando la devota nostra gratitudine .

 

                                                                                                            C . C .

 

Nota . Tutte le citazioni qui virgolettate son prese dallo scritto

           “Villanelle del mio paese “, già citato.

           

 

 

I.             CANTI POPOLARI  RACCOLTI A FRASSO TELESINO [1]

(Archivio par le tradizioni popolari. Vol. XXII.)

 

[Canto p’ammore]

 

  1. « Canta, brunetta, e dimme ‘na canzone,

       Si mme la canti, te voglio pavane;

Ogni canzone te do ‘no carrino,

Ciento canzoni so’ dieci ducati. »

« Si te la canto la canto p’ amore,

N’ aggió abbisogno de li tuoi denari. »

 

 

[Peccato d’amore]

 

  1. Attuorno attuorno chi te ce fa ghine[2] ?

 ‘Ssa via longa chi te la fa fane ? »

 « Me la fa fa’ la peccerella mia,

 Che no’, me vo’ ‘sto core contentane. »

 « Pe contentarte i’ te contentarria

Ninnillo, addo’ ce iamo a confessane? »

 « Nui’ ce ne jamo a Roma a confessane,

 Nnante a lo Papa santo addenocchiati. »

io ne dico: Oi papa santo mio,

Perdonane, ca songo ‘nnamorato !

 Chillo me dice: Te perdoni- Dio,

Che’ pe’ la parte mia si perdonato;

Ca si non fosse papa santo io,

Sarria pe’ lo primo ‘nnammorato.

 

 

 

[Fino alla morte!]

 

3. Povero giovinetto affatturato,

                    Che pe’ ‘na donna t’ ai miso a morine

    Era la state e ce cascao malato,

    L’inverno steva ‘nfine de morine.

    La ‘nnamorata lo vvenio sapenno,

    Fece la sposa pe lo i’ a trovane.

    Sienti che bello frutto ne portavo

    ‘No ‘ranatiello e ‘no milo ‘gentile.

    Lo figlio se votavo a la soa mamma:

    « Chi è ‘ssa donna che a trovà me vene?»

    « Figlio, chessa è la toa ‘nnammorata,

    Chella che te voleva tanto bene. »

    « Oi mamma, pavaccelle le ghiornate:

    Faccela stane dui giorni co’ mene. »

    « Non vide che lo puzo [3] t’ è mancato,

    Lo confessore a fianco lo tenite ? ! »

    Le sue sorelle tutte scapillate,

    Pe ‘sse cappelle foro facenno vuti;

    La mamma tutta affritta e sconsolata,

    Dicenno: Figlio mio, t’ aggio perduto!

    Li chiuovi e lo martiello è apparecchiato,

    Figlio, pe te ‘nchiovare lo tavuto[4] ! ‘.

 

 

[‘Mprecaziuni]

 

 

  1. Aggio fatto tanto tiempo ‘o guardiano

Pe me 1a i’ guardenno sta figliola;

Mo’ c’ è venuto uno tanto lontano,

Mo’ me la vo’ levane: uh che dolore !

Uh che dolore ch’avietti a lo core

Quanno ce la sentietti pubblicane!

No’ me potietti manco addenocchiane,

Pigliai lo cappiello e’ asyietti fore.

«Quanno iate a la cchiesia a spusane,

‘Ncoppa 1’altare puozzi addeboline;

Quanno iate a la tavola’: a mangiane,

Puozzi mangiare, tuosseco e velini;

Quanno iate a lo lietto ! a riposane,

Puozzi piglia ‘na longa malatia:

‘Ssi quatto calli che puorti pe’ dote

Te pozzano servir’ pe’ medecinè ! » .

 

[Sospiro]

 

  1. Amore mio, quanto stai lontano!

Lontano stai e no’ me manni nove!

Non t’ aggio púto ‘na vota vedene,

 Non t’ aggio pùto ‘na lettra mannane!

Ci anno muorti li giudici e i notari,

Li fonachieri manco carta tièno!

Si sapissino scrive ‘ste mie mani,

Na lettra facerria: che te ne vieni.

 

[Sera passai…]

 

6. Sera passai, e mammeta te vatteva,

Non te potietti ‘no poco aiutane;

Si t’aiutava, mammeta che diceva?

«Chesta m’ è figlia, e i’ 1’ aggio a ‘mparane. »

 

[Pur’e monache!]

 

  1. Oh Dio, oh Dio, lo munno è finito!

Le mmonache se vuonno maritane!

                Ce se vuonno piglià ‘no fra[v]ecatore,

Se vuonno fa’ ‘na cella a gusto loro;

Se vuonno fà ‘na cammera e ‘na cucina,

‘Na finistrella pe ce fà l’amore.

 

 

 [‘E spingole francesi]

 

 

8. ‘No giorno me partietti da la casa,

     Ietti vennenno spingole francese;

     Me dicette ‘na donna: ‘Trasi, trasi !

     Quante spingole dai pe’ ‘no tornese »

     « Donna, si te fai dare quatto vasi,

     Te dono la sportella e li turînisi. »

    “Bello figliulo, non parlà de vasi;.

    Ca a ‘sto paese tu ce muori acciso !..»

    « Zitto, nennella mia, aggio pazziato:

    La ‘nnammorata mia sta a lo paese[5] »

 

  

[Dispetto]

 

 

  1. Te manno ‘no carofano a cercane:

Chisso e lo segno si vuo’ fa l’amore.

Me manni a dice ch’ erano seccati

Signo che I’ a’ ‘dacquati co’ lo sole!

 A mezanotte ce fuoro scavati,

Non saccio si a le quatto o a le cinc’ ore;

Abbocca a porta ce fuoro menati

Pe te ce fà mori’ de passione.

               

 

                [‘Nsi a dimani]

 

 

10. E’ fatto notte e luceno le stelle:

      ‘Ngiolella, addò me manni ‘nciampecanno ?

      Fammece stare stanotte co’ tene,

      Dimani schiara iuorno e me ne marmi.

 

 

[‘A maiorana]

 

11. Non se ce pó passà tanto ch’ adora:

      Chi ce l’ à posta tanta maiorana ?

      Vorria che s’affacciasse la patrona,

      Na scandolella [6] me n’ ‘orria fa dàne;

     Me la mettesse a lo pietto p’ addore,

     Pe’ gentilezza non seccasse mai.

 

 

12. Fiore de miglio:

     Tu ce fai l’amore, i’ me la piglio.

 

 

                [Vurria addiventà]

 

13. Vorria addiventà ‘na verde spina,

      ’Nmiezo. a ‘na via me vorria piantane;

      Vorria che passasse nénna mia,

      Pè li capilli la vorria afferrane;

      Chella se vota e dice Dio mio!

      Che spina é, chesta ? ! e no.’ me vo lassane !

 

 

 

14. Fiòr de cerasa:

E chi t’ a cchíno ‘sso  pietto de rose?

 

 

[‘A spergiura]

 

15. Faccia de la bus¢ia, neca-parola,

      La facci’ rossa fai quanno me viri:

      Non te ricuordi quanno dèmmo parola,

      Tu a la finesta e i’ ‘mmiez’ a la


Naviga negli articoli
Precedente articolo Vincenzo Mosiello (1844-1886) Il maestro Vincenzo Nicolella prossimo articolo

Come arrivare

Italia - Campania

In primo piano

Ricettività

Prodotti locali e ricettività turistica

Articoli recenti

Immagini

FRASSO TELESINO- Antica chiesa di S. Giuliana-"Foto storiche"

Links