Approfondimenti

Altre Sezioni

Accesso utenti

Nome utente:

Password:


Cerca nel Sito

Contatore visite

SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Rubriche > ARTE nelle Terre dei Gambacorta > Melizzano nelle commedie di Edoardo De Filippo
Melizzano nelle commedie di Edoardo De Filippo
Articolo di Carlo Alberto Aldi pubblicato il 4/10/2009 (1594 Letture)
Melizzano nelle commedie di Edoardo De Filippo

De Pretore Vincenzo è una commedia di Eduardo de Filippo rappresentata la prima volta nel 1957 e inserita dallo stesso autore nel gruppo di opere che ha chiamato Cantata dei giorni dispari.



de pretore Sai chi faceva il mestiere che fai tu? Beh, adesso te lo dico io: la donna che mi ha cresciuto. Si chiamava Maria... ninuccia È morta? de pretore Non lo so... Perché quando scappai dal paese... Tu conosci Melizzano? ninuccia No. de pretore Dunque, Melizzano sta a cinque chilometri da Napoli, prima di Aversa. Non è un paese ricco, anzi è poverissimo. Le sue risorse cominciano all'inizio dell'inverno, quando escono le mele. Tu vedi una processione di carretti carichi di mele rosse che mandano un profumo per tutta la campagna: quelle di prima scelta vengono a Napoli, e da Napoli se ne vanno per il mondo, e quelle piccole, bacate, restano in paese, per la gioia dei porci, e per sfamare noi. Ma tante mele! Tu le vedi a ceste, a cumuli, a cataste, casa per casa, bottega per bottega, tutte mele, mele, mele, mele... e sai chi è il padrone di queste mele? ninuccia Chi è? de pretore II «signore».


Naviga negli articoli
Precedente articolo La Madonna di Campanile (XII sec.) Pala cinquecentesca della Madonna del Rosario a Frasso prossimo articolo

Come arrivare

Italia - Campania

In primo piano

Ricettivitą

Prodotti locali e ricettività turistica

Articoli recenti

Immagini

FRASSO TELESINO- Via Barungi di Sotto- "Strade e vicoli"

Links